Godzilla vs Pacific Rim: chi vincerebbe?

Godzilla vs Pacific Rim: chi vincerebbe?


Se la serie Monsterverse Legacy of Monsters non vi ha ancora lasciato sazi di mostri giganti che spargono il caos, siete capitati sul video giusto.

Stavolta vi proponiamo un crossover destinato a lasciare il segno su tutti gli appassionati della cinematografia mostrifica. 

Un ipotetico scontro crossover tra due protagonisti dei film di combattimento con mostri giganti recenti: Gipsy Danger di Pacific Rim contro il Godzilla della serie dei film Monsterverse.

Godzilla vs Gipsy Danger: Death Match

Godzilla è un Titano alfa, una delle ultime creature della sua specie, e ha svolto un ruolo cruciale nell’equilibrio ecologico del pianeta. Risvegliatosi da lungo letargo a causa delle attività umane, Godzilla emerge come una forza poderosa per affrontare minacce sovrumane e preservare l’armonia naturale.

Godzilla è incredibilmente forte e resistente. Può sopportare attacchi devastanti e ferite significative senza subire danni irreversibili. La sua robustezza lo rende una forza formidabile nei combattimenti contro avversari altrettanto potenti. Una delle abilità distintive di Godzilla è il suo potente respiro atomico. Questo raggio di energia letale può essere scagliato contro i nemici, causando distruzione massiccia.

Gipsy Danger è uno dei Jaeger costruiti per difendere l’umanità dai Kaiju, creature provenienti da un portale interdimensionale nel fondo dell’oceano. Gipsy Danger è coinvolto in combattimenti epici contro i Kaiju per proteggere la Terra dalla minaccia imminente. Il suo corpo è costituito principalmente da metalli pesanti e materiali resistenti, e la sua forma è progettata per affrontare i giganteschi mostri marini conosciuti come Kaiju.

Godzilla vs Pacific RIm

Godzilla Monsterverse ha un’altezza che raggiunge il picco di 390 piedi (119 metri), mentre Gipsy Danger raggiunge i 260 piedi (79 metri). Questo è indubbiamente uno svantaggio per lo Jaeger, ma non deve essere preso come un fattore decisivo. D’altronde abbiamo visto il nostro paladino della razza umana abbattere Slattern, un kaiju di classe V alto oltre 180 metri: quando a un kaiju si sciolgono gli organi interni non fa più tanto il gradasso!

Godzilla può facilmente essere annoverato nella classe 5 della Scala Serizawa se non in un livello superiore creato per l’occasione: stiamo parlando in pratica di un grattacielo radioattivo che cammina. Nonostante la sua mole si tratta di una creatura perfettamente a suo agio in acqua, che può muoversi in modo relativamente veloce per eseguire attacchi mirati.

Il vero problema di questa sfida è il peso: Godzilla raggiunge nel corso dei film la quota allucinante di 164.000 tonnellate (o 99.000, a seconda delle fonti) mentre il suo avversario, tendenzialmente, supera le 2.000 tonnellate. Il nostro dinosauro deve soltanto gettarglisi addosso per ridurlo a una frittella!

Ma non siamo così pigri da accontentarci di un semplice problema di fisica per decretare il vincitore della nostra death match. Assumiamo che, sfruttando il proprio peso ridotto, Gipsy sia tanto agile da scansare le mosse dell’avversario più di quanto questi non sia in grado di fare.

Per ciascuna mano, Gipsy Danger possiede un Plasmacaster I-19, un cannone a dispersione di particelle che spara plasma attraverso una rotaia caricata elettricamente, in grado sia di ferire che di cauterizzare l’anatomia dei Kaiju, impedendo la diffusione del Kaiju Blue. Ha anche due Spade a Catena GD6 retrattili create da una lega di acciaio e ossidiana, che possono essere utilizzate come lame solide o fruste. Oltre a queste caratteristiche, Gipsy Danger è in grado di scaricare gran parte del suo refrigerante come arma improvvisata e possiede un razzo per aumentare la potenza dei pugni all’interno del suo gomito destro. La turbina può anche essere utilizzata per sparare una potente esplosione di calore direzionato, abbastanza potente da bruciare completamente attraverso la pelle di un Kaiju quando attivata a distanza ravvicinata. Purtroppo è un modello datato elevato agli standard moderni, quindi presenta delle parti più mobili delle altre vulnerabili agli attacchi fisici.

Gipsy si basa principalmente sul combattimento a distanza ravvicinata, armato con spade che, va detto, sono devastanti, come testimoniano i kaiju rimasti sul terreno. Utilizza anche i suoi cannoni al plasma, di solito per concludere gli scontri. Tuttavia, sembra che il cannone al plasma sia nettamente superato dal respiro atomico di Godzilla. Il raggio di Godzilla è in grado di respingere nemici grandi e potenti come MUTO, mentre il cannone al plasma di Gipsy ha bisogno di diversi colpi solo per lasciare un segno visibile sui kaiju, come avviene durante lo scontro con Leatherback. Quindi, se Gipsy e Godzilla si scambiano colpi di energia a distanza, è probabile che Godzilla vinca.

Gipsy Danger vs Godzilla

L’armatura protettiva di Gipsy Danger (che potremmo anche definire “plot armor”) è esattamente resistente quanto lo richiede la trama. Può infatti sopravvivere ad una caduta dall’alta atmosfera e alla pressione dell’intero oceano su di sé, ma poi essere tranciata da un mostro in un corpo a corpo.

Non sappiamo nemmeno quanto sia potente l’armatura di uno Jaeger contro i raggi atomici, siccome in genere i mostri che gli alieni inviano dall’altra dimensione ricorrono alla lotta corpo a corpo.

Dal punto di vista offensivo, Gipsy è armato con alcune armi convenzionali, una spada a catena e un cannone al plasma. Le armi convenzionali non sono molto rilevanti siccome Godzilla è sempre stato piuttosto impermeabile a esse. La sua spada è probabilmente abbastanza affilata, dato quanto facilmente ha dissezionato Otachi. Sappiamo che la pelle di Godzilla è coriacea ma non indistruttibile, quindi potrebbe anche riuscire a ferirla.

Cosa succederebbe se Gipsy si avvicinasse per uno scontro corpo a corpo? Gipsy potrebbe probabilmente infliggere danni apprezzabili al Titano con le sue spade a catena. Naturalmente, ciò presuppone che Godzilla rimanga fermo abbastanza a lungo per portare l’attacco a compimento. Tuttavia Godzilla è sorprendentemente veloce e agile per le sue dimensioni, quindi non è affatto scontato che ciò avvenga. Inoltre, Godzilla possiede una intelligenza pratica sviluppata ed è capace di formulare tattiche durante lo scontro, quindi probabilmente riconoscerebbe che la sua migliore possibilità è evitare le spade e colpire Gipsy con il suo respiro fiammeggiante.

Il raggio atomico di Godzilla è sicuramente un’arma micidiale che permette al mostro di ferire e uccidere i suoi nemici a distanza. Il cannone al plasma di Gipsy è il suo equivalente e potrebbe anche riuscire a ferirlo, siccome Godzy non è invulnerabile per definizione, e i raggi dei suoi avversari possono danneggiarlo.

D’altro canto le spade dello Jaeger sono terribilmente affilate e hanno tagliato svariati kaiju come burro. Indubbiamente Godzilla ha la pellaccia dura (letteralmente) e non c’è verso di affettarlo come un salame, ma probabilmente verrebbe ferito in maniera relativamente seria da un colpo bene assestato. Come detto, Gipsy è sicuramente più agile e potrebbe portare un attacco al volto del mostro, lasciandolo seriamente inabilitato ed esposto a colpi ulteriori.

Molte versioni di Godzilla sono rappresentate in possesso di straordinarie doti rigenerative che lo portano al limite dell’immortalità; la versione Monsterverse comunque non sembra essere a questo livello, siccome lo vediamo ferito in varie circostanze.

Insomma, Godzilla è una vera e propria torre che cammina: è forte, pesante, resistente, ha una coda possente e artigli affilati e un raggio atomico che può raggiungere il centro della Terra.

Dall’altra parte abbiamo una macchina pilotabile che conta di sofisticate apparecchiature e della versatilità di due piloti umani, una vera e propria armeria su due gambe. La sua armatura in lega di titanio non sacrifica la leggerezza in funzione della forza.

Entrambi i contendenti hanno affrontato degli avversari più grandi di loro, cavandosela anche piuttosto bene. Tuttavia, c’è un dettaglio particolare da considerare: lo Jaeger è potenziato da un motore nucleare, e Godzilla si nutre letteralmente di radiazioni. Se Big G finisse per danneggiarlo provocando una fuoriuscita di radiazioni, oltre a danneggiare l’avversario, ragionevolmente finirebbe anche per potenziarsi.

Godzilla vs Pacific Rim: il vincitore

Insomma, qui siamo di fronte a uno scontro di titani, ma i pronostici sono decisamente sfavorevoli per il paladino di Pacific Rim.
Gipsy Danger è veloce, abile, bene armato e pratico di sventrare kaiju.

Ma il suo avversario è molto, molto, troppo oltre le sue possibilità. 

Godzilla è più alto, più grosso, più resistente, e possiede il raggio atomico dalla potenza devastante. Anche Gipsy, direte voi, ma il suo cannone è più efficace su corta distanza. Quindi Big G non ha nemmeno realmente bisogno di avvicinarsi per squagliarlo. Per non parlare che lo Jaeger non può nemmeno ricorrere all’auto distruzione per fare fuori il suo avversario: questi magari verrebbe sbalzato via dall’onda d’urto e magari ferito seriamente, ma grazie a tutti quegli snack di radiazioni finirebbe per riprendersi e tornare in bella forma, magari come il fiammeggiante Burning Godzilla. Già di loro infatti questi robot perdono radiazioni (si veda la malattia di Pentecost), quindi poco alla volta finirebbero per rinvigorire il dinosauro atomico.

Se escludiamo quindi la necessità di reggere la trama abbastanza a lungo da sfornare un bel kolossal con cui guadagnare milioni, Gipsy Danger, ci duole ammetterlo, non ha proprio speranze contro il re dei kaiju (che non ha questo appellativo a caso).

Ma nonostante ciò, siamo certi che sarebbe in grado di battersi con onore, facendo sudare al dinosauro atomico la vittoria!

E con questo è tutto. Speriamo che questo death match vi abbia interessato. Diteci la vostra nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy