News IA e SEO

IA e SEO. Un nuovo modo di posizionarsi su Google con il SEO copywriting

Google cambia i Title e li sostituisce con gli H1?

Google cambia i Title e li sostituisce con gli H1?

Ben ritrovati su questi lidi.

Come hanno rilevato negli ultimi giorni diversi webmaster e come segnala Search Engine Journal, Google ha preso a riscrivere i Title delle pagine in serp, sostituendoli con altri testi più significativi, in genere rimpiazzando i Title con gli H1 della pagina. 

Sapevamo già che Google era in grado di riscrivere i titoli da presentare tra i risultati di ricerca, ad esempio come quando aggiungeva il nome del sito per colmare gli spazi vuoti.

Google sta riscrivendo i Title delle pagine? 

Sappiamo che il fenomeno si è iniziato ad avvertire a partire dal 16 agosto, e al momento non siamo a conoscenza della portata di tale cambiamento. Già da tempo sapevamo comunque che Google faceva comparire un Title e una Description diversa a seconda della query dell’utente.

Come viene modificato il Title? Sono stati segnalati casi nei quali Google:

  • riscrive i Title prendendo i testi dall’H1
  • prende anchor text da un link interno
  • include la data nel Title prendendola dall’URL

A quanto pare, Google sta scegliendo di mostrare quelle che reputa essere informazioni importanti nel testo collocandole nel Title. Come sappiamo una cosa simile già avveniva con le Description, che venivano adattate in modo da meglio rispondere alle esigenze di ricerca dell’utente.

Secondo Brodie Clark non si tratta di un aspetto connesso a un solo fattore. Ipotizza che sia coinvolto un approccio algoritmico che determina la riscrittura dei titoli, o prendendoli da un tag header oppure creandoli dal nulla. Potrebbe ad esempio prendere il testo da un’altra pagina del sito in questione.

Google riscrive i Title

Le modifiche dei tag Title da Google

Google ha dichiarato nel proprio blog di avere rilasciato un aggiornamento per generare titoli delle pagine. Prima di ciò, i titoli potevano cambiare sulla base delle query digitate. Con questo nuovo sistema ciò non accadrà più.
Il nuovo aggiornamento punta a produrre Title più attinenti a ciò che cercano gli utenti a prescindere dalle query digitate. Ora il sistema non guarda tanto all’HTML quanto al primo testo che l’utente vede quando entra.
Si tratta del primo testo presentato, generalmente si tratta del tag <H1> o di altri tag, e del contenuto in prima vista. Può essere considerato anche altro testo, così come testo nei link che puntano alle pagine in questione.

Google dichiara che stando ai test i nuovi Title sono meglio leggibili e preferibili rispetto a quelli generati dal vecchio sistema.

Perchè non vengono più utilizzati i tag HTML?

Google riferisce che i tag HTML non descrivono sempre esattamente il contenuto della pagina. I tag possono essere:

  • molto lunghi
  • riempiti di keyword, siccome i webmaster pensano che sovraottimizzare porti a migliori posizionamenti
  • mancare di informazioni realmente rilevanti (es. chiamare l’home page “Home” o lasciare il tag vuoto)

Questo update punta a produrre Title più rilevanti e meglio leggibili per gli utenti. In alcuni casi Google può aggiungere il nome del sito se può essere utile agli utenti. In certi casi possono operare nell’accorciare i Title lunghi mostrandone solamente una parte, anziché tagliarlo di netto.

Come riferisce Danny Sullivan:

“Why not just always use the HTML title tag? For the same reasons we explained when we began going beyond the tag significantly back in 2012. HTML title tags don’t always describe a page well”.

Presto verranno aggiornate anche le linee guida di Google in fatto di Title, premesso che i consigli restano sempre gli stessi.
Dobbiamo concentrarci sul creare degli efficaci tag HTML, siccome per oltre l’80% dei casi essi sono la fonte utilizzata per generare il Title in serp.

Tuttavia anche Google riconosce che è possibile che i Title generati non siano perfetti, per questo è aperto alla ricezione di feedback.

Come capire se Google ha cambiato i Title

L’estensione per Chrome Keyword Surfer nel momento in cui scrivo mostra direttamente in serp quali Title sono stati riscritti da Google.

Title cambiati Google

Questo può essere utile per cercare di comprendere quale è l’ottica con il quale il processo di sostituzione viene messo a punto. Forse rendere più evidente il testo che risponde all’intento di ricerca delle persone? Quindi mettere in luce il servizio e meno il brand?

Title riscritti da Google

Un altro modo consiste nel ricorrere a questo codice. Basta trascinarlo tra i preferiti oppure creare un nuovo preferito e inserire il codice nell’URL. Quando si effettua una ricerca, basta cliccare sul preferito per vedere restituito il codice Title di partenza.

Google cambia i Title delle pagine? Osservazioni

Da quanto si nota, tendenzialmente i Title riscritti da Google sembrano essere più brevi di quelli di partenza. Ciò potrebbe sposare uno sforzo in direzione di una maggiore leggibilità e di aumentare la rilevanza per i lettori.

Google, nel momento in cui scrivo, non ha notificato ai webmaster se si tratta di un test per ora in corso. Potrebbe trattarsi di un fenomeno momentaneo così come di un cambiamento definitivo, abbiamo assistito nel corso degli anni ad ambo le situazioni.

Questa attività potrebbe avere lo scopo di comunicare ai webmaster per ogni pagina quale è secondo Google il senso che il Tile dovrebbe far trasparire.

Ciò potrebbe ovviamente avere degli effetti sul CTR, sia positivi che svantaggiosi. Alcuni webmaster rivelano infatti di avere subito un calo del CTR.

Potrebbe essere anche il messaggio che il Title e l’H1 dovrebbero essere uguali?

Lo scopo di questa operazione sembra comunque essere aumentare la rilevanza per gli utenti, il che potrebbe tradursi in un bene per i webmaster. Per seguire le parole di John Mueller, i Title sono importanti e sono un fattore di ranking, ma non conviene stressarsi dietro di essi.

A questo punto possiamo seguire le solite indicazioni dettate dal buon senso e dalle linee guida di Google, ovvero:

  • adottare, se conveniente, soltanto un H1 rispondente al contenuto della pagina
  • utilizzare le keyword in maniera naturale
  • adottare un testo illustrativo per l’utente

E voi quali effetti avete riscontrato? Parliamone nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

La Mitologia di Lost - I segreti dell'Isola spiegati

Mer Set 8 , 2021
Scopriamo tutti i segreti della leggendaria serie televisiva Lost e della misteriosa Isola nella quale si muovono i protagonisti.

Chi è Ilario Gobbi?

Ilario Gobbi 2023

    I tuoi dati di contatto verranno utilizzati al solo scopo di fornire le informazioni richieste, senza alcuna finalità di marketing. Puoi chiederne la cancellazione o modifica contattando il sito tramite le apposite modalità previste.

    Esperienze lavorative e studi

    Il mio canale Telegram su SEO e Copywriting

    Canale SEO Telegram Ilario Gobbi

    La mia pagina Facebook ufficiale!

    Il mio canale Telegram su SEO e Copywriting

    Canale SEO Telegram Ilario Gobbi

    Le mie news su Twitter

    My Agile Privacy
    Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
    Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy